Chi è Davide Calabria, curiosità e carriera del difensore

Dal settore giovanile del Milan fino alle prime apparizioni in UEFA Champions League. Chi è Davide Calabria?

Prima lo straordinario movimento, da esterno puro, in occasione del gol messo a segno contro l’Atalanta dopo soli 28′ secondi; poi, a poche ore di distanza, il giusto riconoscimento del proprio talento, la convocazione in Nazionale in vista dei prossimi impegni di UEFA Nations League.

Davide Calabria, chi è il vice capitano del Milan convocato da Roberto Mancini.

Chi è Davide Calabria

Nato ad Adro (in provincia di Brescia), il 6 dicembre del 1996, Davide entra ufficialmente a fare parte del mondo Milan all’età di 11 anni. Da quel momento, Calabria indosserà soltanto i colori rossoneri, svolgendo tutta la trafila agonistica di routine.

Oggi, a più di 14 anni di distanza, l’ancor giovane terzino destro è uno dei pilastri della squadra di Pioli, una delle favorite per la vittoria dello Scudetto insieme a Napoli e Inter.

Non bisogna dimenticare, tuttavia, che Calabria ha battuto la fascia destra del Milan anche in momenti di gran lunga peggiori, quando la vittoria del campionato non era che un miraggio. A partire dal suo esordio in prima squadra – il 30 maggio 2011, proprio contro l’Atalanta – Davide ne ha infatti viste di tutti i colori, dagli ambigui passaggi di proprietà fino alle continue e reiterate delusioni nazionali. Ciononostante, il 2 rossonero non ha mai storto il naso, continuando a considerare il Milan un sogno, giorno dopo giorno.

Il momento della rinascita – Calabria lo sapeva fin troppo bene – sarebbe infatti giunto. Era solo questione di pazienza. Di pazienza e di passione.

Il rinnovo del contratto col Milan

L’estate che si è appena conclusa ha ufficialmente inaugurato una nuova era del calciomercato, caratterizzata da strategie peculiari e da un evidente sovvertimento all’interno delle relazioni di potere. Quanto accaduto in casa Milan ne è la prova evidente. Paolo Maldini, infatti, non ha potuto fare altro che constatare la dipartita a zero di due asset del calibro di Hakan Calhanoglu e Gigio Donnarumma. In scadenza di contratto – e ben consapevoli di esserlo – i due calciatori hanno infatti ricevuto offerte spropositate per trasferirsi gratis altrove. Il Milan, dal canto suo, non ha voluto (né ha potuto) cedere alle pesanti richieste dei procuratori, e così ha perduto i due cartellini senza incassare un centesimo.

Dalle modalità e dall’esito completamente differenti, invece, il rinnovo del contratto di Davide Calabria, il vice capitano del Milan. All’interno di una realtà nella quale l’unico criterio in base al quale scegliere dove giocare sta diventando il denaro (vedi Kessiè), Davide ha invece messo davanti a tutto e tutti il proprio amore per il Milan, trovando un accordo con Paolo Maldini in pochissimo tempo. A contare, infatti, non era il peso dell’assegno, quanto piuttosto quello della maglia.

Davide Calabria: e ora la Nazionale!

Dopo tanti anni di sacrifici, Davide sta finalmente raccogliendo quanto seminato sin qui. A Bergamo, nel posticipo della 7a giornata di Serie A TIM, in uno stadio ostico come il Gewiss Stadium, Calabria ha fatto un movimento da esterno puro, infilandosi alle spalle dei difensori avversari per poi capitalizzare alla perfezione il passaggio illuminante di un altro grandissimo terzino, Theo Hernandez. Poche ore dopo, la chiamata di Roberto Mancini. Prossima tappa, la UEFA Nations League. In palio c’è un trofeo, l’ennesimo.

Se questo è un sogno, Davide ci prega di non svegliarlo. A volte, del resto, è molto meglio fare le cose senza stare a pensarci su più di tanto, un po’ come il calabrone, che non ha la conformazione aerodinamica atta a prendere il volo, e ciononostante, non sapendolo, vola lo stesso. Vola Calabria!

Curiosità su Davide Calabria

Di seguito alcune curiosità sul difensore del Milan

  • Non ama i videogiochi;
  • Non ama i social;
  • Ama le vacanze al mare:
  • È appassionato di enologia;
  • Il suo cantante preferito è Ligabue.
Scritto da Andrea Crenna
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chi è Federico Dimarco, dall’Inter alla convocazione in Nazionale

Melandri: “In Moto3 sono tutti sempre molto vicini”

Leggi anche
Contents.media