Allenatori italiani all’estero: il made in Italy è sempre più richiesto

Il numero di allenatori italiani all'estero è incredibile: Ancelotti domina l'Europa col Real, ma non è l'unico che stupisce.

In queste ultime settimane il numero degli allenatori italiani all’estero è aumentato. Hanno deciso di sposare la causa straniera i due ex calciatori del Milan, Andrea Pirlo e Gennaro Gattuso.

I due ex campioni sono, però, solo gli ultimi di una lunghissima serie di allenatori che sono corteggiati anche al di fuori dei confini nazionali.

L’esempio più emblematico e importante? Beh, Carlo Ancelotti, neo campione d’Europa con il Real Madrid.

Vediamo nel dettaglio, dai più recenti ai più longevi, i diversi allenatori italiani all’estero.

Allenatori italiani all’estero: Carlo Ancelotti

Il capostitipe non può che essere Carlo Ancelotti.

Passano gli anni ma “Re Carlo” continua a scrivere la storia di questo sport. Con l’ultima Champions League vinta alla guida del Real Madrid, infatti, è diventato l’allenatore ad aver vino più Champions di sempre (ben 4, 2 col Milan e 2 col Real Madrid).

Va sottolineato, però, un altro record ottenuto quest’anno: con la vittoria della Liga, è diventato il primo allenatore in grado di vincere tutti i top 5 campionati europei. Da ricordare all’estero le esperienze anche con Chelsea, Bayern Monaco ed Everton.

Allenatori italiani all’estero: Antonio Conte

Antonio Conte è sinonimo di garanzia. Dopo l’esperienza trionfante al Chelsea, conclusasi con Premier League e FA Cup, è tornato a Londra ma stavolta al Tottenham. Ha preso gli Spurs a stagione in corso in una difficile situazione di classifica e, al termine di una lunga rincorsa, li ha condotti fino al quarto posto, valso una straordinaria qualificazione alla prossima Champions League.

Allenatori italiani all’estero: Marco Rossi

Viene denominato il CT dei miracoli con la sua Ungheria, capace di battere per 4-0 l’Inghilterra in terra britannica e di comandare il girone di Nations League dinanzi anche alla Germania e all’Italia.

Dal 2018 è saldamente e sapientemente alla guida della nazionale ungherese e, per sua stessa ammissione, non ha alcuna intenzione di tornare in Italia:

“Non ci penserei una, bensì 10 volte. Bastano un paio di mesi storti e brucerei tutto ciò che ho costruito fin qui con fatica. Non c’è pazienza. La concorrenza è alta, così come gli ottimi allenatori, vero. Ma, posso garantire, ce ne sono anche tanti non esattamente competenti“.

Sfida tutta italiana in Turchia

Dopo l’immediato grande salto alla guida della Juventus, Andrea Pirlo si rimette in gioco in Turchia diventando il nuovo allenatore del Fatih Karagumruk. Nella scorsa stagione il club è arrivato ottavo in Super Lig e il tecnico ritroverà diversi volti noti del nostro calcio come Viviano, Biglia e Borini.

Non solo calciatori, però, Andrea Pirlo sfiderà un altro tecnico italiano, Vincenzo Montella. L’aeroplanino è alla guida dell’Adana Demirspor, squadra in cui gioca Mario Balotelli, e tenterà di migliorare il nono posto della scorsa stagione.

Gattuso tenta il rilancio in Spagna

Mister, lei è un leone o un gattino?“. “Tu che pensi? Quello che pensi tienilo in testa, poi tra uno o due mesi ne parliamo. Prendiamo un caffè e ne discutiamo“.

Rino Gattuso si presenta così in quel di Valencia, agguerrito più che mai e rispondendo a tono alla domanda decisamente provocatoria del giornalista. L’ex tecnico del Napoli è un habitué di esperienze estere, visti i trascorsi sulle panchine di Sion e OFI Creta.

Scritto da Andrea Barbato
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Matteo Berrettini: tutte le vittorie e i risultati importanti raggiunti in carriera

Mondiali 2026: svelate le sedi ufficiali

Leggi anche
Contents.media