Pogba alla Juve: perchè ha scelto la maglia numero 10

Paul Pogba è tornato ufficialmente alla Juventus e ha scelto la maglia numero 10: il motivo della sua decisione

Il grande ritorno è finalmente diventato realtà. Nelle scorse ore Paul Pogba è diventato ufficialmente un nuovo calciatore della Juventus. Il Pogback si è realizzato per la gioia dei tifosi bianconeri e anche dello stesso centrocampista che dopo aver lasciato il Manchester United spera di vivere una seconda “giovinezza” a livello sportivo in Serie A.

Il francese, inoltre, ha scelto di fare le cose in grande indossando come maglia, la numero 10.

Juventus, Pogba e la numero 10: il perché della scelta

Con l’arrivo di Pogba alla Juventus è stato sciolto anche il rebus dei numeri di maglia.

Infatti, se Vlahovic e Chiesa sono passati rispettivamente al 9 e al 7, e il nuovo arrivato Di Maria ha preso il 22, ecco che il calciatore francese ha optato per la fantastica maglia numero 10.

Tra le motivazioni che hanno certamente spinto il centrocampista a prendere questa importante t-shirt c’è sicuramente una “abitudine” alle forti responsabilità.

Pogba, infatti, aveva già indossato la maglia numero 10 nella stagione 2015/16, anno in cui la ereditò da Carlos Tevez. Sebbene all’epoca non fu una scelta troppo fortunata, che lo portò anche a cambiare poi indossando la 6, ora la speranza è di sfatare in un certo senso quel tabù.

Altra motivazione, molto probabile, la voglia di omaggiare il suo amico Paulo Dybala, andato via alla fine della passata stagione e che aveva indossato appunto la 10 sino a poche settimane fa.

Le parole alla presentazione

Dopo le visite mediche di rito avvenute in questi giorni, Pogba si è presentato in conferenza stampa con la stessa voglia di vincere di sempre e grande positività.

“Sono molto contento di tornare a casa, perché sono davvero a casa qua. Avete visto come mi ha accolto la gente è stato un sogno per me. Sono molto molto contento. Quando vedevo i tifosi della Juve che mi mandavano un messaggio ero felice, ma ero concentrato al Manchester. Ho pensato tanto a tornare e l’ho fatto. Io sono già contento di questo e i tifosi sono contentissimi”.

A livello sportivo tra mister e obiettivi di squadra:

“Allegri? Quando ero a Manchester parlavo sempre con lui. Ho sempre avuto un grande rapporto. Ho avuto tanti anni belli con lui. Era il momento giusto per tornare e anche con la persona giusta. Dobbiamo crescere a livello europeo. Abbiamo tutti questo sogno di vincere la Champions. È un sogno per tutti noi. Il nostro obiettivo però è vincere lo scudetto. Se possiamo prendere la Champions è un sogno per tutti”.

Inevitabile anche un passaggio sulla scelta della maglia indossata nelle ultime stagioni da Paulo Dybala, ora non più presente in rosa:

“Se ho parlato con lui della maglia numero 10? Ho parlato con Paulo, sì, ma non del numero 10. Eravamo insieme e abbiamo fatto la preparazione insieme. È un buon amico mio. Ho detto non vuoi stare un po’ con me alla Juve e giochiamo insieme. Non abbiamo parlato di numero e niente”.

Le cifre dell’affare

Il ritorno di Pogba alla Juventus è stato senza dubbio uno degli affari migliori della sessione estiva del calciomercato 2022. Infatti, il francese torna a Torino dopo 6 anni e come parametro zero, anche se a fronte del tesseramento, come specificato il club, verranno sostenuti oneri accessori per 2,5 milioni, pagabili entro il 31 agosto 2022.

Per quanto riguarda il contratto, invece, secondo le indiscrezioni, il calciatore guadagnerà 8 milioni di euro netti a stagione. Con l’applicazione delle agevolazioni fiscali legate al Decreto Crescita, invece, lo stipendio lordo si aggirerà intorno ai 10,48 milioni di euro.

Scritto da Andrea Medda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Fuorigioco semiautomatico: come funziona e quando entrerà in vigore

Serie A 2022-23: quali saranno i capitani del prossimo campionato

Leggi anche
Contents.media