Gareth Bale si ritira: apoteosi e declino del primo “Mister 100 milioni”

Dalla tripletta all'Inter alla rovesciata in finale contro il Liverpool

Da anni ormai giocava molto al di sotto delle sue possibilità, dopo l’addio all’Europa per i Los Angeles FC, questa settimana Gareth Bale ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato. Nonostante per molti avrebbe potuto fare di più, questo rimane uno dei giocatori simbolo degli ultimi dieci anni, nonché il primo calciatore ad essere acquistato (dal Real Madrid) per la cifra di 100 milioni, il trasferimento più oneroso di sempre ai tempi.

Chi è Gareth Bale, la carriera del calciatore appassionato di golf

Nato a Cardiff il 16 luglio del 1989 è di certo uno dei gallesi più forti di sempre. Cresce nel settore giovanile del Southampton, squadra con la quale fa il suo esordio nel mondo del calcio professionistico a 18 anni (secondo più giovane di sempre ad esordire con questa maglia dopo Walcott), per poi passare al Tottenham nel 2007.

Grazie alla sua versatilità e potenza fisica si impone ben presto in Premier trovando gol e presenze. Il giovane Bale gioca inizialmente come terzino sinistro, con una grande predisposizione ad attaccare lo spazio e la porta avversaria, poi dal Real Madrid in poi verrà spostato come attaccante esterno. Iconica la prestazione in Champions League contro l’Inter il 20 ottobre 2010: a San Siro Bale segna la sua prima tripletta tra i professionisti (sempre da terzino), tre gol scaturiti dalla sua corsa inarrestabile sulla corsia sinistra unita ad un mancino terribile. Da ricordare che a marcare quello che sarebbe diventato un fuoriclasse, un certo Javier Zanetti, certo non un avversario facile da saltare in velocità.

La stagione 2012-2013 è quella dell’esplosione definitiva: 26 reti complessive di cui 21 in campionato gli fanno vincere sia il premio come Giocatore dell’anno della Premier, sia il premio come Giovane dell’anno, è solo il terzo giocatore della storia a vincere entrambi i riconoscimenti dopo Cristiano Ronaldo e Andy Gray

Acquistato dal Real Madrid, la prima stagione di Bale coi blancos dice 44 presenze, 22 reti di cui 15 in campionato, unite alle 6 in Champions, fondamentali per la vittoria della Decima. In finale di Champions contro i rivali dell’Atletico Madrid Bale dimostra il suo valore segnando il gol del 2-1 ai tempi supplementari. Passano le stagioni ed i titoli vinti aumentano, anche se Bale non è la stella più luminosa della squadra riesce tra alti e bassi a farsi valere ed essere determinante per la vittoria di altre due Champions: quella del 2016, vinta ai rigori ancora contro l’Atletico, Bale propiziò l’1-1 di Sergio Ramos con una deviazione di testa. L’apoteosi sportiva del gallese però è la finale di Champions contro il Liverpool: oltre a permettere la terza vittoria consecutiva della Champions alla sua squadra, Bale è assoluto protagonista segnando una doppietta fondamentale per il 3-1 finale. Oltre alla soddisfazione di essere il primo calciatore a segnare una doppietta in Champions da subentrato, il suo gol in rovesciata è di certo uno dei più iconici della storia della competizione.

Il declino

Dal 2018 però qualcosa sembra rompersi nel campione, che complice anche i tanti problemi fisici inizia ad essere sempre più fuori dalle gerarchie di Zidane. Nel 2019-2020 vince la sua seconda Liga, ma a differenza della prima di cui era stato protagonista, questa volta è ai margini delle rotazioni blancos. Dopo sette anni in Spagna sceglie di tornare nella sua Londra, al Tottenham, nonostante gli infortuni arrivano 34 presenze, 16 gol e 3 assist, ma questo non convincerà la squadra di Londra ad acquistarlo. Tornato a Madrid, ritrova Ancelotti, ma ormai il campione è lontano da ciò che era: arricchisce ancora la sua bacheca di trofei vincendo la sua quinta Champions, ma senza partecipare alla finale. Nel giugno 2022 Bale decide di lasciare Madrid e l’Europa per i Los Angeles FC.

In soli sei mesi in America si aggiudica: il MLS Supporters’ Shield e la MLS Cup (suo il gol che trascinerà la finale ai rigori).

Il palmarés da sogno di Bale

  • Coppa di Lega inglese: 1

Tottenham: 2007-2008

  • Coppa di Spagna: 1

Real Madrid: 2013-2014

  • Campionato spagnolo: 3

Real Madrid: 2016-2017, 2019-2020, 2021-2022

  • Supercoppa di Spagna: 3

Real Madrid: 2017, 2020, 2022

  • MLS Supporters’ Shield: 1

Los Angeles FC: 2022

  • Campionato MLS: 1

Los Angeles FC: 2022

Competizioni internazionali

  • UEFA Champions League: 5

Real Madrid: 2013-2014, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2021-2022

  • Supercoppa UEFA: 3

Real Madrid: 2014, 2016, 2017

  • Coppa del mondo per club: 4

Real Madrid: 2014, 2016, 2017, 2018

Scritto da Gabriele Vecchia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dove vedere Inter Parma in tv e streaming

Toty Fifa 2023: i candidati di Serie A e le votazioni

Contentsads.com