Sport tradizionali del Qatar: quali sono?

In Qatar il calcio è arrivato solo da qualche decennio, mentre la nazione araba ha una lunga storia per quanto riguarda altri sport, più adatti alla conformazione geologica e climatica della nazione. Scopriamo quali sono

Il Qatar in questo periodo è sotto gli occhi di tutto il mondo per l’evento calcistico sportivo più atteso dell’anno: i Mondiali di Calcio. La nazione qatariota negli ultimi anni ha ospitato molti tipi di competizioni sportive nel tentativo di aprire il Paese a nuovi introiti allo scopo di completare la propria modernizzazione.

In Qatar però il calcio, così come molti altri degli sport “moderni” è arrivato solo da qualche decennio, mentre la nazione araba ha una lunga storia per quanto riguarda altri sport, più adatti alla conformazione geologica e climatica della nazione.

Quali sono gli sport tradizionali del Qatar?

Tra i vari sport che si possono considerare come tradizionali in Qatar spiccano tre specialità, sviluppatesi in armonia con le tradizioni della popolazione e che negli anni hanno reso famosa la nazione araba.

Corse di cavalli

Da tempo immemore ormai, il Qatar è uno dei leader indiscusso a livello mondiale dell’allevamento di cavalli arabi.

L’amore del Paese per le corse equestri risale ai tempi antichi, quando i beduini passavano il tempo tra una traversata e l’altra del deserto ad addestrare ed allevare animali con i quali competere contro le tribù rivali. Per le tribù vincere le corse dei cavalli era motivo di grande vanto ed orgoglio, aumentato negli anni grazie al fatto che i cavalli arabi purosangue della zona erano (e sono) tra le migliori razze di equini al mondo.

Lo sport in questione diventa uno sport popolare, oltre che tribale, in tempi moderni grazie al Qatar Racing and Equestrian Club, aperto per la prima volta al pubblico nel 1975.

Corse di cammelli

Come pensare al Qatar, senza pensare ai cammelli? L’ambiente desertico del Golfo Persico ha portato ad usare questi animali come fact totum: usati come mezzo di trasporto, fonte di cibo e latte. Con il passare degli anni e l’arrivo di mezzi moderni, questi animali si sono trasformati in parte in forma di intrattenimento per la popolazione e soprattutto per i turisti. Le gare di cammelli hanno visto la luce per la prima volte come parte dei festeggiamenti nuziali, mentre ad oggi si è trasformato in uno sport di nicchia, ma decisamente redditizio con un giro d’affari milionario. Le gare sono organizzate all’Al Shahaniya Camel Race Track, circuito fondato nel 1972. La prima gara fu svolta nel 1973, con oltre 300 esemplari partecipanti.

Falconeria

Un altro dei simboli del Qatar è proprio il falcone: simbolo del passato così come del presente della Nazione. I rapaci allevati in Qatar sono infatti tra i più pregiati al mondo, e vengono venduti per centinaia di migliaia di dollari a seconda della loro razza e tipologia. Anche questo sport risale ai tempi delle tribù beduine. I falconi veniva usati prevalentemente per cacciare uccelli migratori, e venivano di conseguenza selezionati in base alla loro pazienza, autonomia e coraggio. Una volta diventato sport, si è ovviamente diffuso nell’élite del paese, assumendo un’importanza tale per cui addirittura alcuni ospedali del Souq Waqif hanno un mercato e un ospedale loro dedicati, dove è possibile osservarli al braccio dei loro proprietari che li esibiscono o mettono in vendita.

Scritto da Gabriele Vecchia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Champions League: quanto vale la qualificazione in seminifinale

Perché ai Mondiali danno tanti minuti di recupero?

Leggi anche
Contentsads.com